Ho pensato di pubblicare le foto del mio altare fisso visto che qualche tempo fa avevo parlato dell’ altare. Purtroppo  non saranno di ottima qualità ma le ho fatte con il cellulare. Per renderle più presentabili ci ho lavorato un po’ con un programma di applicazione di effetti. Ecco il Witch-Tour! Questa è una visione d’ insieme del mio altare fisso che si trova nella camera, di fronte al letto. L’ ho realizzato sopra un vecchio cassettone di mogano che apparteneva a mia madre quando era bambina. Sopra c’è uno specchio, a sinistra un quadro che non c’entra niente con la Stregoneria. E’ una immagine che mi è stata regalata, credo comprata al Lucca Comics,1438224668285 della mia illustratrice preferita, Victoria Frances. Sulla sinistra invece c’è un attestato per un Premio di Narrativa di quando ero al Liceo con sopra un acchiappasogni comprato in una bancarella di nativi Americani alla Mostra dell’ Artigianato di Firenze e ancora più a destra, appeso alla mia libreria, un corno con dei fiori di cera all’ interno, insieme a delle spine di istrice. Partendo da sinistra troviamo un piatto fondo realizzato da mio nonno con le mie pietre, due candelieri in ferro battuto, una candela inserita nel piatto delle offerte realizzato con un motivo floreale, i piattini per l’ acqua ed il sale, un bracciale che utilizzo durante i rituale da mettere all’ avambraccio e quel legno,1438224449520 dalla forma vagamente antropomorfa dietro il candeliere più alto è un feticcio delle energie del mare. Io sono legata all’ elemento acqua e ai luoghi di questo elemento e questo lo raccolsi in spiaggia qualche mese fa, prima che iniziasse la stagione turistica. Quando ho bisogno delle energie del mare per un incantesimo o per meditare lui lavora con me. mensilmente lo bagno con dell’ acqua di mare, visto che sto vicina, o lo porto con me in spiaggia. Evito di farlo d’ estate perchè sebbene la mia spiaggia sia all’ interno di un Parco Naturale è abbastanza preda dei turisti e c’è troppa confusione. Questo invece è il centro del mio altare in cui si trova l’ incensiere, una drusa di ametista che simboleggia la 1438224397212Dea e al centro esatto una candela con una composizione di fiori. Infissi nella composizione floreale ci sono delle piume che a breve diventeranno parte decorativa della mia bacchetta e sopra la candela un palco, a simboleggiare il Dio.  Tutto ciò è appoggiato a un centro fatto ad uncinetto anche se prima o poi mi procurerò  una lana nera piuttosto grossa da sostituire al centro. Più a sinistra si trova la mia piccola coppa, una serie di contenitori con varie erbe, cenere, terra di cimitero e sale, il mio piccolo calderone portatile, un’ altra composizione floreale con una candela bianca e una scatola che ho decorato io. L’ ho decorata nella parte inferiore con i colori grigio, bianco e nero, dando delle pennellate rapide in stile “Impressionista”, mentre nella parte superiore ho dato un intenso colore nero uniforme. Ho aggiunto uno spruzzo di brillantini argentati, fisat con la lacca e una scritta 1438224553461Ricordi Dimenticati e all’ interno ci sono una serie di oggetti raccolti in circa 22 anni che di magico hanno all’ apparenza ben poco, ma hanno per un me un enorme valore spirituale ed affettivo. Molti anni fa una persona a me cara, e che adesso non è più tra noi, mi disse che dovevamo avere tutti quanti un posto dove mettere quegli oggetti apparentemente inutili ma che non avevamo cuore di buttare. Il calderone, i candelieri e il piatto delle pietre sono stati realizzati da mio nonno. Gli oggetti in ferro o altri metalli fatti da lui, anche se economicamente parlando non hanno valore perchè non metalli puri o preziosi, per me sono la cosa più bella che potessi avere. Questo è un dettaglio della mia coppa, comprata in un negozio  esoterico molto carino a Viareggio, d1438224297693opo una lunga giornata di avventure e disavventure per la città, quel giorno particolarmente calda e umida, e nella quale riuscimmo a perdere anche la mia macchina… Questi invece sono i miei due piattini per l’ acqua ed il sale. In origine erano dei piattini trasparenti, in vetro. 1438224240881Li ho dipinti con le tempere usando il bianco ed il nero ed una serie di sfumature perdare l’ idea di una spirale ai lati più chiara e al centro più scura. Dopo di che vi ho messo delle spruzzatine di brillantini oro e li ho cosparsi con una vernice vetrificante terribile che mi ha….”vetrificato” anche un dito (sono riuscita a ripulirmelo del tutto dopo diversi giorni) e un pennello, che ho dovuto buttare. Infine un dettaglio della mia collezione di pietre di cui vado abbastanza fiera. Fin da quando ero piccola mia nonna mi comprava delle pietre. Mi ricordo che alcune uscivano mensilmente in edicola in un giornale scientifico che parlava proprio di minerali. Ne ho diverse, alcune in triplice copia, come l’ ematite, l’ ametista, l’ occhio di tigre e il quarzo. 1438224176241Ma ho anche la giada, la pirite, un cristallo di rocca, l’ ossidiana, l’avventurina, il diaspro dalmata, il legno pietrificato, l’ ambra, l’ unakite, la pietra di luna, l’eliotropio,l’agata fasciata, l’ howlite blu e altre che ora sul momento non mi vengono in mente. Nessuna di queste pietre è comunque una pietra preziosa, le più care forse mi sono venute a costare massimo 10 euro, ma non credo di non esserci mai arrivata. Alcune hanno forme grezze,altre sono piramidali o sferiche. Sono tutte pietre che si possono reperire facilmente in qualsiasi negozietto di minerali o su qualsiasi sito specializzato anche in ambito esoterico. Il mio amore per i minerali è rimasto immutato dalla mia infanzia e ancora oggi cerco pietre sempre nuove in tutte le bancarelle che trovo. Okkey spero vi sia piaciuto e possa esservi d’ ispirazione. Adesso scappo che sto gentilmente sfruttando il wi-fi della mia università per fare tutto tranne che studiare ^^

Annunci