Cucire per me è sempre stato un piacere. Escluso nei casi in cui ho dovuto riparare o aggiustare un vestito!Ma fin da piccola volevo che mia madre e mia nonna mi disegnassero su dei vecchi fazzolettini di stoffa deLle forme che io poi, con ago e filo, andavo a riempire. So che da qualche parte mia madre ha ancora un vecchio pezzo di stoffa con un mio fiorellino giallo ricamato. In pochi però sanno che nell atto del cucire e del ricamare può esserci del potere magico non troppo diverso da quello che ci può essere nel creare delle rune su dei tocchi di legno  o nell’inciderle in delle pietre. Cucire è un’ arte antica, cosi come  l arte del ricamo. Possiamo scorgere in queste due attività m le Parche che mentre tessono il loro elaborato arazzo decidono la lunghezza della vita delle persone, una vita che come un filo può essere elaborata e complessa o tagliata di netto. La tessitura è tra le più antiche e quasi mitologiche forme di artigianato. È un momento di concentrazione certamente, ma in quella concentrazione propria dell’ artista possiamo incanalare energia in ogni nodo,  in ogni intreccio, in ogni millimetro del filoMa non solo, tessere e cucire è un modo per legare incantesimi e preghiere cosi come avviene per la  magia dei nodi. I nodi sono un modo semplice per contenere e allentare l’energia. La magia dei nodi con ogni probabilità trae origine proprio dall’arte di tessere e cucire e perfino dalla pesca. Dove il filo “si annoda” in una direzione o in un altra, in ogni fibra tessuta e in ogni punto cucito si imprime la magia, per esempio un maglione può proteggere, cosi come un pescatore potrebbe annodare il proprio filo da pesca per aggiudicarsi  il pesce migliore, come fosse una scala della strega (di cui parlerò in seguito).È possibile utilizzare questo tipo di arte per attrarre o bandire in particolare persone, spiriti, malattie o più generalmente energie negative. Incanalare energia in una posizione specifica, (persino gli stendardi potrebbero sfruttare lo stesso tipo di principio di magia), un lavoro può essere creato per incanalare l’energia e può essere disfatto (cosi come un nodo) per rilasciarla. Anticamente anche i nastri da matrimonio potevano essere ricamati con simboli, iniziali e promesse, in questo caso il ricamo ha a che fare con il ‘consolidare’ il rapporto, l’unione. (nel caso i suddetti nastri legavano le mani in un ‘ nodo ‘ ulteriore durante la cerimonia).Si può ricamare un intenzione, semplicemente anche un atto devozionale come il ricamare /tessere/ una tovaglia d’altare, un arazzo o un centro fatto all’ uncinetto .Fin dai tempi antichi l’ uomo e la donna hanno sperimentato dei sistemi leggermente diversi nel fare magia e nell’ usare soprattutto la magia. Ad esempio per gli uomini l’ uso dei simboli è stato spesso associato a talismani e monili ma anche a rappresentazioni grafiche realizzate su armi, scudi o armature. Per le donne invece l’ arte del ricamo è stato un modo per portare con sé un simbolo o incantesimo in grado di proteggere, portare gioia o fertilità.  Sono sono note a molti le fantasie degli abiti tradizionali slavi o baltici ad esempio. Non  vanno però considerate fantasie completamente casuali, infatti nei vari elementi decorativi è possibile rintracciare una serie di simboli base.  Sono molti i simboli slavi che un tempo venivano intagliati o cuciti per attrarre ciò di cui gli individui avevano bisogno. La storia del cucito si perde nei secoli, molto prima dell’ avvento del cristianesimo. In quell’epoca lontana, le donne slave ricamavano, in particolar modo con un filo rosso in campo bianco, per chiedere agli Dei aiuti,  protezione, amore, fertilità o armonia.

Anche voi potete cimentarvi in forme magiche che comprendono il ricamo di particolari simboli ad esempio in sacchettini o fazzoletti da portare con voi, magari associandovi dei colori particolari. Qui di seguito vi illustro il significato principale di alcuni colori e di alcuni simboli di modo che possiate realizzare incantesimi di protezione, per la tranquillità, la prosperità o la serenità familiare associando simboli e colori esattamente come molti secoli fa hanno fatto i nostri antenati. Potete ricamare una maglietta che magari indossare sotto un pullover con il simbolo appropriato oppure l interno di una tasca o un fazzoletto di stoffa. Ma potete anche realizzare un sacchettino del colore adeguato con il ricamo adeguato e riempito con ciò che può essere utile al vostro intento magico.

Colori, cucito e abiti tradizionali

Qui di seguito vi lascio delle nozioni interessati sul significato dei colori e degli abiti nella Russia e nei paesi slavi dei secoli scorsi.
Per il significato dei colori in magia da usare per i vostri ricami ecco il link:
Il codice del colore di un abito tradizionale ha due significati:
sociale: segna l appartenenza a un gruppo di età (bambini o uomini adulti) o a una categoria sociale (nubile, sposa o vedova).  Ma poteva anche significare l’ appartenenza a una particolare tribù o casta
rituale: grazie all alternanza di parti di vari colori ai possono creare delle vere e proprie magie cucite bella stoffa che volendo possiamo indossare o portare sempre con noi .
Queste due funzioni si sono poi mescolate,  di modo che possiamo affermare che se un colore ha un determinato significato sociale questo dipende dal suo significato rituale e vice versa. Il linguaggio simbolico dei colori si è formato molti anni (secoli, forse anche millenni) fa. Chiaramente la gamma di colori era limitata alla possibilità di usare solo elementi naturali e facilmente reperibili. I più antichi pigmenti erano rosso e nero. Pertanto, le principali “parole” dEl “dizionario dei colori” sono: bianco (colore naturale di lino e lana), rosso e nero
Bianco:  in questo caso, si tratta del colore naturale della lana e lino (sia sbiancato e non sbiancato). Lo sbiancamento artificiale della biancheria richiedeva un sacco di tempo, lavoro e denaro. Così,la  biancheria sbiancata veniva considerata come un panno costoso, ed era un segno di uno status sociale elevato. Ma, simbolicamente, le persone indossavano abiti bianchi nel corso di un periodo di trasformazione del loro ruolo sociale. I russi credevano che durante qualsiasi transizione di vita ( infanzia / adolescente, o celibe-nubile/sposata-o) il confine tra il mondo materiale e spirituale diventasse sottile e trasparente. Le persone che indossavano il bianco (bianco puro, senza alcuna decorazione) erano: bambini prima dell’età di 7-8 anni, anziani (dopo 60) spose, reclute militari. Inoltre, il colore bianco è un simbolo della maternità (e di una donna sposata), in contrasto con il rosso – il colore di una giovane ragazza.
Rosso: è stato il primo colore utilizzato per la colorazione della stoffa. Già nel Paleolitico veniva impiegato per scopi rituali.  Alcune erbe (Rubia tinctorum) e minerali (ematite) possono dare un colore rosso alla stoffa. È ovvio che il colore rosso indica simbolicamente sangue e fuoco. Come simbolo di sangue mostra il flusso di energia tra la natura e l’ essere umano. I vestiti folkloristici che un tempo venivano impiegati dalle persone tutti i giorni avevano dei ricami rossi in genere attorno ai polsi e al collo   Inoltre, secondo le credenze slave, gli dei del Fuoco e del Sole erano uomini. Così, il colore rosso simboleggia il potere maschile (produttivo, fertile, difensivo) – sia negli aspetti spirituali che fisici. I giovani appena sposati indossavano camicie rosse decorate con segni rituali di fertilità. Molte parole russe connesse con la fertilità e la riproduzione derivano dalla parola rosso-KRAS. Tradizionalmente si pensava che la bellezza fisica  Village ( “krasota”) fosse una preparazione per la fertilità. Pertanto, il colore rosso era anche un simbolo di una giovane donna, che è pronta a essere una madre. Ecco perché il costume di una sposa nei villaggi russi era rosso. Così, il rosso è il sangue (forza fisica), il fuoco (la difesa), un uomo maturo e una giovane donna pronta a essere madre
Nero e altri colori come grigio scuro, marrone scuro: sono i colori naturali della lana. Responsabile di tale colorazione è l’ Acidum tannicum. Questo colore veniva infossato da anziani over 70 anni, donne mai sposate e monaci. Il colore nero significava una distanza tra una persona e il mondo (e soprattutto la.mancanza  figli). Le persone sposate evitavano  di  vestirsi di nero.
-Giallo: il colore giallo poteva essere ottenuto,  nelle sue varie gradazioni, attraverso l’ uso di alcuni minerali
Blu e verde: secondo dei dati archeologici in Russia l uso di questi colori risale al 15 secolo. Tuttavia, fino a 1700, blu e verde non erano i colori di base nell’ abbigliamento. Solo dopo aver stabilito un commercio con l’Iran, questi colori divennero accessibili non solo per la nobiltà, ma anche per la gente dei villaggi. In alcune regioni, gli abiti blu iniziarono a essere un segno di
 ricchezza e di rispetto. Le donne sposate ricche dopo cinque o sei anni di matrimonio indossavano abiti blu. Delle camice blu in un uomo indicavano che era il capofamiglia  di una famiglia allargata. Allo stesso tempo,il blu era simbolicamente inteso come ” non più rosso, ma non ancora bero”. Pertanto, gli anziani (soprattutto quelli che avevano nipoti) lo indossavano frequentemente.

SIMBOLI SLAVI

Kolovrat
kolovrat_%d0%ba%d0%be%d0%bb%d0%be%d0%b2%d1%80%d0%b0%d1%82_swastika_%d1%81%d0%b2%d0%b0%d1%81%d1%82%d0%b8%d0%ba%d0%b0_-_rodnovery
Secondo il pittore e studioso Stanisław Jakubowski il “piccolo sole” è uno dei primi simboli slavi per indicare il sole. Rappresenta la vittoria del luce sull’ oscurità  E ‘stato inciso su monumenti costruiti in legno nei pressi dei luoghi di riposo  per rappresentare la vita eterna e la vittoria della vita sulla morte. Può essere impiegato per propiziare la salute e la guarigione.
Reçe Boga
receboga_ideogram-kosmosu
Sebbene di difficile interpretazione i ricercatori sono d’accordo con la convinzione che jl simbolo “Mano di Dio” è un simbolo del dio supremo per gli antichi slavi, cioè il dio creatore Rod. La croce centrale simboleggia l’imperiosità e la protettività. Lo spazio tra i bracci della croce è spesso riempito di  svastiche (Svarga, il paradiso e la dimora degli dei celesti degli antichi slavi). Si tratta di un simbolo della dualità del fuoco celeste. Secondo alcuni la fine della croce  può simboleggiare direttamente il Dion del tuono Perun e la pioggia e le nuvole tipiche dei fenomeni atmosferici violenti.  Un’altra interpretazione più ragionevole è che le creste sulle estremità dei bracci della croce simboleggiano i raggi del sole Swarog.
popielnica_rece_boga
Il simbolo ci è noto dal 1936 quando venne rinvenuto un reperto nella provincia di Lodz. Del Reçe Boga…purtroppo ne rimane una copia perché il.manufatto originale venne perso dai nazisti durante la ritirata.
Charovrat:
20170117_030348
È un simbolo protettivo sia per gli esseri umani che per gli oggetti. Era colorato di rosso o come se fosse infiammato in quanto il fuoco tradizionalmente è associato alla protezione contro i sortilegi o la magia nera
Rodovik:
rodovik-symbolizes-strength-of-god-rod-protect-the-thread-of-human-life-provides-communication-and-support-of-the-dead-ancestors
Rappresenta il Dio creatore Rod. Esattamente come Rod è il dio del clan e della famiglia questo simbolo aiuta l unità e la serenità  familiare e permette di stabilire una connessione con i propri antenati, in quanto ancora parte della famiglia.
Svadebnik:
slavic-svadebnik-materials-to-make-necklaces-talisman-charm-pendant
È il talismano più potente, che simboleggia la fusione dei due generi in un unico nuovo modo di vivere. O del genere maschile e femminile in una nuova vita. Questo simbolo ha lo scopo di proteggere il benessere e la felicità della famiglia. Questo simbolo slavo non è solo un tradizionale regalo di nozze, ma poi è un forte amuleto per famiglia, contribuendo alla presenza dello spirito nella famiglia, e che punta a una forte alleanza tra l uomo e la donna.
7eedbe89bc4365c2aa83c92b6c588a09
Abito da sposa russo con lo Svadebnik
svadebnik
Schema per ricamare lo Svadebnik a punto croce

 

 

Svaor:
20170117_032844
Rappresenta l incessante movimento dello Svarga e l eterno ciclo della vita dell’ universo. Apposto sugli utensili di casa dona prosperità, felicità  e serenità.
Svaor Solntsevrat:
20170117_032521
Rappresenta il movimento del sole nel cielo. Agli umani dona gentilezza, purezza nei pensieri e nelle azioni e la luce dell’ ispirazione spirituale
Svastika:
20170117_033708Sebbene le varie forme della Svastica e le sue varie rappresentazioni ci riconducono inevitabilmente al nazifascismo questo simbolo nella tradizione slava non ha un significato negativo. Simboleggia il sacro fuoco dell’ altare e la casa. Protegge la casa e il tempio/altare
-Guardiano familiare
sun-e1325934127950

Schema per ricamare

Rozhanits:
37575da454a8-e1325934457956
Schema per ricamare 
Favorisce la fertilità e la possibilità di dare alla luce un bambino sano. Oltretutto promuove la concentrazione e la forza necessarie affrontare crescere e guidare un figlio. Aiuta le donne nelle incombenze quotidiane
Per adesso mi fermo qui anche se le mie ricerche su questo ambito non termineranno assolutamente. Spero vi sia piaciuto l’articolo e che vi possa essere utile nella realizzazione di qualche incantesimo o sacchettino. Se commentate mi farà molto piacere rispondervi.
aglaia-hirschlauf
Bibliografia:
-Skayler Nattfödd Ulver, “Ricavando- Un arte magica”
-I.M.Kolesnitskaya,L.M.Telegina “Folklore and Archaic Beliefs”
-Encyclopedia of safety, “Slavic embroidery”
Annunci